Struttura

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi118
mod_vvisit_counterIeri218
mod_vvisit_counterQuesta settimana637
mod_vvisit_counterScorsa settimana1184
mod_vvisit_counterQuesto mese2368
mod_vvisit_counterScorso mese5050
mod_vvisit_counterFino ad ora737050

Realizzato da:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Le feci del lattante PDF Stampa E-mail
Scritto da Dr. Adalberto Campagna   
Lunedì 03 Gennaio 2011 20:52

I caratteri fisici e chimici delle feci sono strettamente legati al tipo di alimentazione. 

 Se il bambino è allattato al seno, le feci, appena emesse, saranno tipicamente di un colore giallo oro, di consistenza cremoso fluida, dall'odore un po' acido, non sgradevole. (fig.1)  

 

feci di lattante al seno.jpg - 7.97 Kb

fig 1

Feci caratteristiche di un lattante allattato esclusivamente al seno

Attenzione pero', lasciando le feci all'aria, il colore diventa verdastro a causa di un fenomeno naturale, l'ossidazione della bilirubina, che non riveste nessun carattere patologico; anche la presenza di alcuni grumi biancastri, spesso presenti nelle feci, non deve destare preoccupazione, perchè questi derivano dall'unione tra il calcio contenuto nel latte e i grassi  insolubili che non vengono assimilati dal bambino.

Il colore giallo delle feci è subordinato anche alla quantità di latte materno ingerito: se il bambino assume poco latte, si formeranno poche feci per cui la bile ( di colore verde) che sarà di conseguenza piu' concentrata, conferirà alle feci un colore verdognolo o brunastro; queste sono le così dette "feci da fame".

Il neonato, per il fenomeno del riflesso gastrocolico presente nei primi giorni di vita, può emettere le feci tutte le volte che assume latte; col tempo tale riflesso si attenua e il numero delle scariche diminuisce: il numero delle scariche comunque è variabile da bambino a bambino; alcuni possono evacuare anche ogni tre-quattro giorni e cio' non necessariamente sta a significare stitichezza: si tratta dell'accumulo di feci nell'ampolla rettale, dovuto all'immaturità dello sfintere anale che non deve essere stimolato frequentemente: vanno percio' banditi i frequenti rimedi casalinghi quali l'uso del prezzemolo o del termometro  o del sondino per stuzzicare lo sfintere anale del bambino nella speranza di indurlo alla tanto sospirata ( per i genitori ) emissione di feci (... finalmente la cacca! ).

Se il bambino è calmo e tranquillo, non mostra segni di sofferenza, vi consiglio di attendere con fiducia il "lieto evento" anche perchè lasciandolo in pace, egli imparerà col tempo ad educare il suo sfintere producendo emissione di feci spontanee e non provocate.

Nel bambino allattato con latte artificiale, soprattutto  se il latte che assume non rientra nella categoria dei c.d. latti  "adattati", le feci  saranno piu' pallide, giallo grigiastre, di consistenza compatta, piu' secche, tipo mastice da vetraio e poco aderenti al pannolino. L'odore è putrefattivo, fetido, le scariche saranno minori, in genere 1-2 al di' o addirittura una volta ogni 2-3 giorni.

Indipendentemente dalle  caratteristiche tipiche che assumono le feci da latte materno o artificiale, una emissione di feci verdi di giusta consistenza, in un bambino peraltro sano, non deve destare  preoccupazione perchè il verde puo' dipendere, oltre che dalle modificazioni che subisce la bilirubina durante il suo passaggio nell'intestino prima di essere eliminata, anche dal ferro contenuto nel latte, dagli alimenti   che assume la madre e dal tempo di percorrenza delle feci nell'intestino.

Feci diarroiche, acquose, con muco color verde, sono invece feci patologiche da diarrea infettiva.

Ultimo aggiornamento Domenica 12 Agosto 2012 07:16