Struttura

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi115
mod_vvisit_counterIeri218
mod_vvisit_counterQuesta settimana634
mod_vvisit_counterScorsa settimana1184
mod_vvisit_counterQuesto mese2365
mod_vvisit_counterScorso mese5050
mod_vvisit_counterFino ad ora737047

Realizzato da:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Allattamento artificiale PDF Stampa E-mail
Scritto da Dr. Adalberto Campagna   
Mercoledì 12 Gennaio 2011 21:25

Quando la madre per vari motivi, non è in grado di allattare al seno, è necessario ricorrere ai così detti latti formulati simili per composizione al latte materno.

imagesca3f1qy0.jpg - 3.91 Kb

Quando si accudisce un neonato, l'igiene è molto importante per cui è necessario prestare molta attenzione nella preparazione del latte per evitare al piccolo facili infezioni.

Lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone e poi asciugarle.

Lavaggio di biberon e tettarelle

Tutto quanto serve per l'allattamento artificiale ( biberon, tettarella) deve essere accuratamente lavato dopo ogni poppata; va sciacquato con acqua corrente e fredda, poi va lavato con acqua calda con detergente e con l'aiuto di un apposito spazzolino per rimuovere i residui di latte; infine va di nuovo sciacquato con abbondante acqua corrente.

Le tettarelle devono essere rivoltate, sciacquate e spazzolate accuratamente; gli spazzolini devono essere disinfettati con ipoclorito di sodio e lasciati asciugare.

Sterilizzazione

-a caldo : fate bollire biberon e tettarelle per 20 minuti in una pentola, immersi d'acqua.

-a freddo: immergete tutto l'occorente per la poppata nell'apposita vaschetta contenente il liquido sterilizzante; la soluzione deve essere rinnovata ogni 24 ore; non è necessario sciacquare gli oggetti sterilizzati prima dell'uso, basta scolarli.

Preparazione del biberon

Preparate il biberon per ogni pasto; se il bambino non completa il pasto, non conservate il latte avanzato ma gettatelo perchè vengono a mancare le condizioni igieniche ottimali ( eliminate il latte se non è stato consumato entro due ore)

Latte liquido: si versa nel biberon già sterilizzato la quantità di latte necessaria e si riscalda a bagnomaria o nello scaldabiberon; è necessario conservare il contenitore del latte in frigorifero dopo che è stato aperto e il latte deve essere utilizzato entro 24-48 ore; i latti liquidi pronti per l'uso sono sterili fino a quando non sono aperti e rappresentano la scelta piu' sicura se si utilizza un latte artificiale.

Latte in polvere: si versa la giusta quantità di acqua di rubinetto che va bollita per 5 minuti per raggiungere i 70° necessari alla distruzione dei batteri eventualmente presenti nella polvere, oppure si usa acqua oligominerale  riscaldata.

La scelta del tipo di acqua utilizzata nella preparazione del latte in polvere è fondamentale in quanto deve essere leggera e poco mineralizzata: proprio il basso livello di mineralizzazione rende l'acqua piu' leggera. Se si usa acqua di rubinetto a 70°, il latte ricostituito deve essere raffreddato immediatamente perchè i batteri possono  moltiplicarsi  con velocità:

All'acqua si aggiunge la quantità di polvere prescritta mediante  appositi misurini che si trovano all'interno della confezione; i misurini devono essere pieni e rasi, la polvere non va compressa.

Di solito si aggiunge un misurino di polvere ogni 30 gr di acqua; si chiude  il biberon con la ghiera e l'anello a vite, poi si capovolge e si guarda quanto latte scende; se cade una goccia al secondo va bene; si agita poi  il biberon fino ad ottenere un liquido omogeneo.

Dopo l'apertura della scatola, il latte va consumato entro 15 giorni.

I neonati devono bere acqua?  Spesso mi viene posta questa domanda.

Il fabbisogno di liquidi di un bambino appena nato è abbastanza elevato e nei primi mesi di vita il piccolo fa scorta di liquidi attraverso il latte; se il neonato è allattato al seno, il latte materno è sufficiente a garantirgli il corretto apporto di liquidi ( il latte materno infatti contiene mediamente l'87% di acqua ).

Al contrario, se il neonato è allattato con latte formulato ( in polvere o liquido ), è opportuno somministrare piccole quantità di acqua, soprattutto quando è molto caldo o in caso di febbre.

Si puo' somministrare acqua di rubinetto bollita o oligominerale con cucchiaino o biberon in piccole dosi e secondo il desiderio del neonato.

Solo con lo svezzamento, la necessità di bere acqua diventerà maggiore sia che si allatti al seno che con latte artificiale.

Ultimo aggiornamento Domenica 24 Aprile 2011 17:14