Struttura

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi198
mod_vvisit_counterIeri305
mod_vvisit_counterQuesta settimana1478
mod_vvisit_counterScorsa settimana1094
mod_vvisit_counterQuesto mese3230
mod_vvisit_counterScorso mese0
mod_vvisit_counterFino ad ora891838

Realizzato da:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Fimosi e parafimosi PDF Stampa E-mail
Scritto da Dr. Adalberto Campagna   
Venerdì 10 Dicembre 2010 15:00

 

Genitali esterni maschili: la fimosi

La cute che riveste la punta del pene, chiamata prepuzio, a volte, nel neonato, si puo' presentare ristretta, tale da impedire di scoprire completamente il glande; la fimosi dunque è una strettoia del prepuzio.

L'adesione stretta del prepuzio al glande, nei primi anni di vita, è del tutto normale, non richiede perciò manovre di forzatura del prepuzio nel tentativo di scoprire forzatamente il glande.

Il bambino va lasciato in pace, non dovete provocargli inutili quanto dolorose manovre.

A volte si possono evidenziare, tra prepuzio e glande, delle raccolte bianco giallastre del tutto normali, dovute alla stretta aderenza che spesso  si può formare proprio tra prepuzio e glande; non si tratta, come comunemente si crede, di pus o infezione: sono le ghiandole del solco balano-prepuziale che producono questo materiale chiamato smegma.

Queste aderenze non vanno rimosse, se non nei casi in cui il restringimento ostacola la normale emissione di urina o nel caso in cui il bambino ha frequenti balanopostiti ( cioè infiammazioni della cute circostante) o quando il restringimento persiste oltre i 5-6 anni di vita.

In caso di scollamento forzato delle aderenze balano prepuziali, si possono formare delle zone di infiammazione che dopo breve possono portare a formazione di nuove aderenze; in questi casi bisogna mantenere una adeguata igiene della zona con soluzione antisettica, tirare indietro regolarmente il prepuzio, preferibilmente dopo il bagno, quando la pelle è più morbida e applicare una pomata anestetica in caso di dolore.

Utile comunque un controllo dal Pediatra se il dolore persiste, se il bambino non riesce ad urinare o se compaiono secrezioni giallastre.

Solo nei casi di vera fimosi ( prepuzio molto ristretto)  persistente nel tempo, bisogna ricorrere all'intervento chirurgico ( circoncisione) per evitare la parafimosi, condizione patologica strettamente correlata alla fimosi.
In pratica si può verificare che nei bambini con fimosi non serrata, il prepuzio scopra il glande, ma successivamente il foglietto prepuziale non è più in grado di ritornare nella posizione di riposo e quindi, l'anello prepuziale, stringendo  il glande,  lo soffoca provocando edema e  comportando anche difficoltà ad urinare poiché viene compresso il canale uretrale.
In caso di parafimosi, il consiglio è quello di non aspettare ma ricorrere immediatamente  in PS pediatrico.


 

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Febbraio 2016 17:29