Struttura

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi117
mod_vvisit_counterIeri218
mod_vvisit_counterQuesta settimana636
mod_vvisit_counterScorsa settimana1184
mod_vvisit_counterQuesto mese2367
mod_vvisit_counterScorso mese5050
mod_vvisit_counterFino ad ora737049

Realizzato da:
SiteGround web hosting Joomla Templates
L'ambiente fisico ideale per il bambino PDF Stampa E-mail
Scritto da Dr. Adalberto Campagna   
Sabato 11 Dicembre 2010 09:04

L'ambiente è quello spazio fisico e sociale dove il bambino vive, cresce, impara a mettersi in relazione con gli altri.Tale ambiente deve essere il più possibile salutare, igienico e adatto a lui; per quanto possibile evitate di rivevere troppe persone contemporaneamente nell'ambiente dove vive il vostro bambino, soprattutto nei primissimi giorni di vita; capisco perfettamente che le numerose visite al nuovo nato, come di consuetudine da parte di parenti e amici, sarnno difficili da evitare, ma è bene sapere che con gli stretti contatti interpersonali, si rischia di trasmettere al piccolo, pericolose infezioni delle vie aeree.

Stanza del bambino : dovrebbe trovarsi esposta al sole ed essere abbastanza spaziosa e silenziosa; le pareti devono essere trattate con intonaco traspirante e con vernici lavabili ( idropittura) usando come tinta predominante il blu in tutte le sue tonalità, perchè pare favorisca la calma e la tranquillità;  meglio il pavimento in parquet, caldo e accogliente, rispetto alle piastrelle; da evitare la moquette che tende a trattenere polvere.

Arredamento : sono sconsigliati tendaggi, tappezzerie, poltrone o divani imbottiti; evitate anche oggetti di pelouche che trattengono polvere e possono causare allergie nei bambini predisposti.

Scelta del lettino: è meglio in legno, con le sponde regolabili e le sbarre ad una distanza tra loro di non oltre 7 cm per evitare che il bambino possa rimanervi incastrato con la testa o una gamba; il materasso deve essere per uso pediatrico, non è necessario il cuscino, utile invece  il coprimaterasso; la biancheria del letto deve essere in fibre naturali.

Inquinamento in casa : bisogna fare attenzione all'aria che si respira in casa ed evitare soprattutto i fumi prodotti dai fornelli e le sostanze emanate da alcuni prodotti per la pulizia.

Il fumo passivo è altrettano dannoso per la salute, quindi non fumate nell'ambiente dove soggiorna il bambino, anche in sua assenza: il fumo e le ceneri rimangono a lungo nel locale a meno di non ventilarlo abbondantemente e a lungo.

La casa va arieggiata più volte al giorno, soprattutto la cameretta del bambino, senza aver paura dei “colpi d'aria”; le “ correnti d'aria”non rappresentano alcun rischio per un organismo abituato a termoregolare, al contrario bisogna temere il surriscaldamento.

Temperatura : la temperatura ideale della camera del bambino è di 20°-21°; durante la notte evitate che scenda sotto i 18°.

D'estate la stanza deve essere mantenuta fresca o con l'aiuto di un ventilatore o con un condizionatore d'aria, non affatto dannoso per i bambini purchè si cambino spesso i filtri.

Umidità : l'organismo umano si trova in situazione gradevole con umidità intorno al 55-60%; con valori più alti si avverte senso di oppressione, con valori più bassi, si ha secchezza della bocca e irritazione durante la respirazione.

Negli ambienti troppo secchi è utile rendere più umida l'aria con mezzi tradizionali o con umidificatori.

Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Marzo 2011 20:50