Struttura

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi139
mod_vvisit_counterIeri143
mod_vvisit_counterQuesta settimana440
mod_vvisit_counterScorsa settimana1184
mod_vvisit_counterQuesto mese2171
mod_vvisit_counterScorso mese5050
mod_vvisit_counterFino ad ora736853

Realizzato da:
SiteGround web hosting Joomla Templates
Poesie e scritti
I Figli PDF Stampa E-mail
Scritto da Dr. Adalberto Campagna   
Giovedì 06 Gennaio 2011 16:33

I vostri figli non sono i vostri figli.

Sono i figli e le figlie dell'ardore che la Vita ha per se stessa.

Essi vengono attraverso di voi, ma non da voi,

e benchè vivano con voi non vi appartengono.

Potete dar loro il vostro amore ma non i vostri pensieri,

poichè essi hanno i loro propri pensieri.

Potete custodire i loro corpi ma non le loro anime,

poichè le loro anime dimorano nella casa del domani,

che neppure in sogno vi è concesso di visitare.

Potete sforzarvi di essere simili a loro, ma non cercate di

rendere essi simili a voi.

Poichè la vita non va mai indietro nè indugia con l'ieri.

Voi siete gli archi da cui i vostri figli come frecce vive

sono scoccate.

L'Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell'ìnfinito,

e vi piega e vi flette con la sua forza perchè le sue frecce vadano veloci e lontane.

Fate che sia gioioso e lieto questo vostro esser piegati

dalla mano dell'Arciere:

poichè come ama la freccia che scaglia, così Egli ama

anche l'arco che è saldo.

 

di Kahlil Gibran (Bsharri 6 Gennaio 1833- New York 10 Aprile 1931. Poeta, filosofo libanese)

da " Il Profeta" il capolavoro di un grande poeta che parlo' ai giovani con la forza di un mito.

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Dicembre 2011 12:07
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 2